Samorì in Forza Italia con la benedizione di Verdini

Il leader del Mir pronto alla doppia tessera per scalare il centrodestra all'ombra di Berlusconi

L'avvocato Gianpiero Samorì, leader del Mir

L'avvocato Gianpiero Samorì, leader del Mir

MODENA - L'avvocato modenese Gianpiero Samorì rompe il silenzio e si rituffa nell'agone politico con un obiettivo: aderire a Forza Italia 2.0, che su volere di Berlusconi nascerà dopo la fine dell'esperienza del Pdl, e candidarsi a ruoli sempre di maggiore responsabilità prima all'ombra del Cavaliere, poi al suo posto. Da tempo il leader e fondatore del Mir si dice convinto di essere pronto a guidare il centrodestra, nonostante la sonora sconfitta alle ultime elezioni politiche che l'hanno visto escluso dal Parlamento. I tempi sembrano maturi per un nuovo tentativo di scalata, grazie anche ad uno sponsor politico di peso come Denis Verdini, coordinatore del Pdl presente alla recente conferenza programmatica del Mir a Roma. "Credo nella doppia tessera, aderirò a Forza Italia", ha detto entusiasta Samorì. "Il Mir avrà un ruolo importantissimo nella definizione del nuovo centrodestra", ha replicato Verdini. Il corteggiamento è in atto.

Leggi anche

Il ritorno di Samorì: "Una banca pubblica per uscire dalla crisi" 

Elezioni, Samorì sconfitto ma felice 

Media
  • L'avvocato Gianpiero Samorì, leader del Mir
    L'avvocato Gianpiero Samorì, leader del...
comments powered by Disqus