Sgominata banda di ladri albanesi: due arresti a Modena

Specialisti in furti e ricettazione. I carabinieri hanno fatto scattare le manette per 15 persone tra Basilicata, Campania ed Emilia Romagna

MODENA – Sgominata banda di albanesi specializzata in furti, ricettazione e sfruttamento della prostituzione. Stamattina i carabinieri hanno fatto scattare le manette per 15 persone (14 albanesi e un italiano) nell’ambito di un’ampia operazione, denominata “Florì”, che ha coinvolto circa 200 militari dell’Arma tra Basilicata, Campania ed Emilia-Romagna. Due arrestati a Modena, già detenuti al sant’Anna per altri reati.
L’operazione dell’Arma ha fatto scattare circa una trentina di perquisizioni tra le province di Potenza, Napoli, Reggio, Modena (in carcere) e Rimini. Le misure cautelari sono state emesse dal gip di Lagonegro Lucia Iodice su richiesta del pm Vittorio Russo. L’accusa di associazione a delinquere è aggravata dal numero di persone coinvolte – circa una trentina tra espulsi, ricercati o rientrati in Albania – e dal fatto che abbiano agito armate. In due casi, a Caivano (Napoli) nel maggio 2012 e a Reggio Emilia nello scorso mese di settembre, due persone hanno sparato contro i carabinieri. Le indagini sono partite la primavera scorsa quando, alla vigilia di Pasqua, un uomo sparò a un giovane albanese mentre stava tentando un furto nella sua villa a Lauria, in provincia di Potenza. Dalle indagini emerge che la banda di albanesi si muoveva sul territorio facendo poi numerosi furti in pochi giorni in ville o appartamenti. Denaro, preziosi, oro e computer finivano così nel loro bottino. In questo modo avevano colpito in particolare nel Lagonegrese, in Basilicata, e a Reggio prima di trasferirsi altrove. La refurtiva veniva poi venduta ad altri gruppi specializzati nella ricettazione, e i proventi utilizzati per sovvenzionare bande criminali operanti in Italia e in Albania. La persona italiana arrestata è accusata di sfruttamento della prostituzione nella zona di Caivano di alcune donne albanesi e di altre nazioni dell’Est Europa.

Media
comments powered by Disqus