Modena si tinge di azzurro: la sfida Italia-Malta finisce 2-0

Al Braglia 20mila tifosi festeggiano. I gol di Destro e Peluso consegnano alla Nazionale il primo posto nel girone con la Bulgaria

La squadra in campo (foto Davide Mantovani)

La squadra in campo (foto Davide Mantovani)

MODENA – Sono 20mila i tifosi allo stadio Braglia per la sfida Italia-Malta, la seconda gara di qualificazione ai campionati del mondo del 2014. Subito dopo i primi 5' di gioco la Nazionale già in vantaggio con Destro, poi al 48' del secondo tempo segna Peluso. Modena si tinge di azzurro e festeggia la Nazionale di Prandelli che conquista il primo posto nel girone con la Bulgaria.

La partita
La prima vittoria nelle qualificazioni ai Mondiali 2014 in Brasile è arrivata. Archiviato il pareggio nella gara di esordio in Bulgaria, al Braglia l’Italia svolge al meglio il suo compitino e batte Malta 2-0. A decidere sono le reti di Destro, dopo 5’ di gioco, e Peluso, in pieno recupero. Una rete in avvio, una nel finale. In mezzo una gara in cui gli azzurri hanno faticato forse più del previsto contro un avversario nettamente inferiore dal punto di vista tecnico, ma dotato di tanta fisicità e resistenza. Difficile, per Pirlo e compagni, trovare spazi per scardinare la retroguardia degli opsiti, ben messi in campo da Ghedin. Poche, nell’arco dell’incontro, le conclusioni nello specchio della porta da parte degli azzurri, che hanno sbloccato il punteggio  grazie a un affondo di Marchisio, che ha lanciato Destro, bravo ad infilare il portiere maltese. Poi, tanto gioco, ma poche vere occasioni. Il raddoppio al 47’ del secondo tempo: dopo che Pazzini aveva fallito una buona chance, è stato Peluso a sferrare il colpo di testa vincente sugli sviluppi di un corner battuto da Pirlo. Il gol del definitivo 2-0, per un successo che vale il primo posto nel girone: 4 punti, in condominio con la Bulgaria, vittoriosa nel match contro l’Armenia.

Guarda le immagini della partita e dei tifosi al Braglia


ITALIA-MALTA 2-0
ITALIA (4-3-1-2): Buffon, Cassani, Barzagli, Bonucci, Peluso, Nocerino, Pirlo, Marchisio, Diamanti (1' st Insigne), Destro (38' st Giovinco), Osvaldo (23' st Pazzini).
A disp.: Sirigu,  Maggio, Ogbonna, Acerbi, Giaccherini, Verratti, Poli, Borini, De Sanctis).
All.: Prandelli.

MALTA (4-2-3-1): Hogg, Borg, Dimech, A. Ajus, Muscat (41' st Camilleri), Sciberras, Briffa, Bogdanovic (23' st Cohen), Schembri, Herrera, Mifsud.
A disp.: Haber, Caruana, Bajada, R. Fenech, Barbara.
All.: Ghedin.

Arbitro: Munukka (Finlandia)
Reti: 5' pt Destro, 47' st Peluso.
Angoli: 15 a 2 per l'Italia
Recupero: 0 e 3'
Note: ammoniti Muscat e Schembri per gioco falloso, Cohen e Hogg per proteste.Spettatori 20.000, incasso di 204.809 euro. Angoli 15-2. Recupero: pt 0’, st 3’.
Un momento della partita (foto D. Mantovani)

Un momento della partita (foto D. Mantovani)


Prandelli: "La seconda rete ci ha tranquillizzati"
"È un risultato deludente? Il secondo tempo abbiamo fatto bene, è chiaro che se non arriva il secondo gol si complica tutto. Nel finale abbiamo segnato la seconda rete che ci ha tranquillizzati. Settembre è un mese storicamente difficile per la nazionale, i ragazzi non sono al top della forma".
È questo il commento a caldo del ct Cesare Prandelli, dai microfoni di RaiSport.
"Nella ripresa siamo stati molto più ordinati – continua Prandelli – e con l'ingresso di Insigne ci siamo schierati larghi. Torno su un vecchio discorso, non voglio trequartisti ma calciatori che sappiano attaccare lo spazio. In Armenia tra un mese avremo maggiore brillantezza". Secondo il ct, "dobbiamo insistere su alcuni punti come il gioco e la profondità. Nel secondo tempo oggi siamo stati più ordinati. Ci sono state delle situazioni che vanno lette e da queste impareremo. Le due punte possono far fatica, anche il trequartista senza spazi fa fatica». Chiusura su Criscito: "la sua posizione è stata archiviata? Sono felice per lui".
L'allenamento della nazionale al Braglia (foto D. Mantovani)

L'allenamento della nazionale al Braglia (foto D. Mantovani)


Prima di scendere in campo
Cesare Prandelli aveva chiesto alla squadra di giocare bene e non tanti gol e ieri sera aveva comunicato laformazione.
Prandelli: "Prima dovevamo costruire, ora dobbiamo confermare"
Il secondo biennio azzurro è, per Cesare Prandelli, quello più difficile. “Non sono più chiuso o cambiato, è solo cambiata la prospettiva”, ha detto il commissario tecnico azzurro a RaiSport, nella consueta intervista pre-gara nell'ambito dell'accordo di esclusiva tra Figc e tv pubblica. "Prima – ha aggiunto Prandelli – dovevamo costruire: ora dobbiamo confermare, ed è più difficile".

Soddisfatto della missione degli azzurri a Modena: "Abbiamo regalato sorrisi"
Il ct si è detto soddisfatto del seguito popolare e dell'audience della sua nazionale: "Abbiamo centrato la nostra missione di regalare sorrisi – ha detto Prandelli – specialmente a questa gente di Modena". Il ct ha confermato le ragioni delle sue scelte tattiche. "Il 4-3-1-2 può essere una via di passaggio al 4-3-3, ma con questi giocatori ora il modulo è questo". Soprattutto ha parlato di Diamanti: "E’ un trequartista atipico, io lo definisco un centrocampista abile nel passaggio alle punte: in questa posizione finalmente può fare il salto di qualità".
Quanto all'Italia che deve riscattare la brutta partita di Sofia, "i giocatori quando sbagliano lo capiscono, sono sicuro che da stasera vedremo un'altra Italia".
La partita Italia-Malta può essere seguita in diretta tv su Rai Uno.

Guarda le immagini dell'allenamento al BragliaGuarda le immagini dell'allenamento al Braglia

Pighi: "Modena è una città azzurra"

A poche dal fischio d’inizio al Braglia della partita di calcio per le qualificazioni di coppa del mondo Brasile 2014 il sindaco di Modena Giorgio Pighi ha incontrato le delegazioni di Malta e Italia.
"Modena è una città azzurra. Sono numerose, infatti, le federazioni sportive che scelgono la nostra città per i loro impegni internazionali". Ha detto Pighi nel suo intervento di saluto all’incontro ufficiale tra le delegazioni delle Federazioni calcistiche di Italia e Malta che si è svolto stamattina in Municipio.
"La Federazione italiana giuoco calcio ci onora con la presenza della nazionale – ha proseguito Pighi – per la terza volta nell’arco di cinque anni. Una scelta significativa perché lega l’evento sportivo alla solidarietà con le popolazioni colpite dal terremoto del maggio scorso".
All’incontro, oltre al sindaco Pighi erano presenti Giancarlo Abete presidente della Figc, Norman Darmanin Demajo, presidente della federazione calcio maltese e il delegato Fifa Tugomir Frajman.

Pronto un piano parcheggi per accogliere i tifosi
Il Comune di Modena ha predisposto un piano parcheggi per accogliere il pubblico delle grandi occasioni. I parcheggi disponibili sono al Novi Park (ingresso da Via Berengario), in via Cialdini, in via Santi, in via Razzaboni (con utilizzo del sottopasso ferroviario pedonale), in via Emilia Ovest (area parcheggio del Parco Ferrari) e al parcheggio di palazzo Europa. Per ragioni di sicurezza, verso le 16, l'area intorno allo Stadio (viale Montecuccoli, viale Monte Kosica, via Dogali, piazzale Tien an Men) sarà chiusa al traffico. In piazzale Tien an Men è stata riservata un'area destinata al parcheggio disabili. Per raggiungerla è necessario percorrere viale Cittadella, viale Monte Kosica in senso contrario di marcia fino all'ingresso del piazzale Tien an Men, come previsto da apposita ordinanza della Polizia Municipale. Per i tifosi modenesi un invito a limitare l’uso dell’auto per recarsi allo stadio e preferire la bicicletta.

Leggi anche
Azzurri al Braglia, Prandelli: "Il bel gioco prima di tanti gol"

Media
comments powered by Disqus