Pd in festa: stasera il taglio del nastro

Nell'area di Ponte Alto l'appuntamento inaugurale è fissato per 18.30. Ci saranno i sindaci dei Comuni colpiti dal sisma. Poi tanti appuntamenti tra politica, musica, spettacoli e buona tavola

MODENA – Tutto pronto per la festa provinciale del Pd che prende il via stasera, nell’area di Ponte Alto. E a tagliare il nastro ci saranno i sindaci dei Comuni modenesi colpiti dal sisma. Quest’anno la manifestazione sarà infatti dedicata al tema della ricostruzione, ma anche a quella parte della politica, delle istituzioni, della società che non funzionano come i cittadini vorrebbero. Il titolo scelto per la Festa è "Ricostruiamo l’Emilia – L’Italia che funziona". Il taglio del nastro, alle 18.30, sarà affidato ai sindaci dell’area colpita dal sisma. Intervengono il segretario provinciale del Pd Davide Baruffi, il sindaco di Modena Giorgio Pighi e la segretaria provinciale dei Gd modenesi Giuditta Pini. A seguire l’inaugurazione della mostra "E’ la terra che fa le onde" curata da Fausto Ferri e allestita con i materiali prodotti dalle principali redazioni giornalistiche locali. In contemporanea, Giuliano Bedonni darà vita a una performance (Pro-Memoria 5.9) il cui risultato rimarrà nel corso della Festa a completamento del percorso delle mostre. I sindaci del "cratere", come tanti altri dei presenti al taglio del nastro, verranno vestiti con tute apposite e si presteranno al "gioco" di Bedonni: le loro sagome saranno dipinte sulle pareti del Padiglione e rimarranno come "monito" per tutti i visitatori della rassegna. Alle 21, al PalaConad, la prima delle iniziative politiche in calendario avrà come titolo "Le istituzioni al servizio della comunità nella ricostruzione". All’incontro interverranno il presidente della Regione Vasco Errani, il sindaco di San Felice e presidente dell’Unione Comuni dell’Area Nord Alberto Silvestri e il sindaco di Novi Luisa Turci. Gli amministratori saranno intervistati dal direttore della Gazzetta di Modena Enrico Grazioli. Niente fuochi artificiali, ma saranno le band locali vincitrici dell’High Bridge Contest ad esibirsi all’Arena sul lago. Mascara 53, My speaking shoes, Ed: sono questi i nomi dei tre gruppi giovanili che si sono aggiudicatisi il bando indetto dal Partito democratico in collaborazione con Arci e Giovani democratici. "Un’iniziativa che ha avuto un ottimo successo, cui ha aderito una trentina di promettenti band del territorio – spiega Mirko Pedretti, vicepresidente di Arci Modena – e che è stata soggetta a rallentamenti a causa degli eventi sismici dei mesi scorsi, pur non mancando di raccogliere la risposta entusiastica di alcuni fra i migliori talenti emergenti locali". Sempre alle 21 liscio alla Balera con Roberto Scaglioni. Dalle 21.30, infine, allo Spazio Ricostituente – Sala Abitcoop per "Lievito di storia” “Immagini e storie dell’antifascismo modenese" raccontate dal direttore dell’istituto storico di Modena Claudio Silingardi.

Media
comments powered by Disqus