Sisma e tasse: "A Finale non si è visto un euro"

I sindaci dei Comuni colpiti dal sisma chiedono una proroga delle agevolazioni fiscali per le zone colpite dal terremoto: "Dal governo serve un segnale"

Il sindaco di Finale Emilia Fernando Ferioli

Il sindaco di Finale Emilia Fernando Ferioli

MODENA – Serve una proroga allo stop del pagamento delle tasse, fino a fine anno almeno. E' la richiesta dei sindaci dei Comuni colpiti dal sisma. L’emergenza terremoto in Emilia sembra non essere trattata come tale, secondo il sindaco di Finale Emilia Fernando Ferioli. "Qui non si è visto un euro" e ora "si chiede di pagare". Ferioli spera ancora che il governo ritorni sui suoi passi, che lo stop alle agevolazioni fiscali per le zone terremotate venga ridiscusso. "Nonostante siamo emiliani e abbiamo volontà di riprendere – dice – dal governo serve un segnale".
Dal primo ottobre si dovranno pagare le tasse, il governo chiede "di pagare quando ancora non si è visto nulla, dal punto di vista della cassa". Finale non è ancora tornata alla normalità, c’è la volontà di ricostruire, molte attività sono ripartite, ma il lavoro è lungo e richiede tempo e risorse. "È ovvio – prosegue il primo cittadino – che sono il primo a pensare che chi non ha problemi deve pagare. Ma questa è un'emergenza, molte aziende sono crollate. Ci sono persone colpite pesantemente. E anche negozi che hanno i locali agibili hanno avuto cali di fatturato fino all'80%, vivono situazioni improponibili". "Credo – conclude Ferioli – che da parte del buon governo ci sia sensibilità e credo che una decisione in tal senso debba venir fuori".

Media
  • Il sindaco di Finale Emilia Fernando Ferioli
    Il sindaco di Finale Emilia Fernando...
comments powered by Disqus