Milano, Codacons choc: "Diesel cancerogeni"

L'associazione di tutela dei consumatori ha presentato un esposto e chiede il sequestro di tutti i mezzi in circolazione

L'Oms sostiene che i diesel sono cancerogeni

L'Oms sostiene che i diesel sono cancerogeni

MILANO- I motori diesel provocano il cancro e bisogna sequestrare tutti i mezzi in circolazione. Lo chiede il Codacons per quel che riguarda i veicoli diesel circolanti a Milano. L'associazione di tutela dei consumatori ha depositato un esposto alla procura milanese dopo che l'Organizzazione mondiale della sanità ha classificato le emissioni dei motori diesel come "agente cancerogeno per gli umani di gruppo 1", quello delle sostanze con effetto tossico scientificamente "accertato". Secpondo Christopher Portier, presidente del gruppo di lavoro dell'Agenzia per la ricerca sul cancro (Iarc), "i gas di scarico del motore diesel provocano tumore ai polmoni negli esseri umani".
Si legge nell'esposto presentato dal Codacons: "Si chiede che il Procuratore della Repubblica adito voglia accertare il pericolo che la libera disponibilità dei veicoli diesel possa aggravare o protrarre le conseguenze di cui in narrativa e, quindi, voglia ordinare il sequestro preventivo ex articolo 321 del codice di procedura penale di tutti i veicoli alimentati a diesel presenti sul territorio della città di Milano e provincia". Il Codacons chiede di "accertare la responsabilità del sindaco pro tempore di Milano e del presidente della Lombardia per le ipotesi di violazione di legge che si evincono in narrativa", in particolare rispetto ai reati di omissione di atti d'ufficio e getto pericoloso di cose. I veicoli a gasolio nella provincia di Milano sono 580mila.
In Italia, nei primi cinque mesi del 2012 sono state vendute 371.995 vetture diesel, con una flessione del 20,74% rispetto all'anno scorso. La percentuale di auto diesel vendute nello stesso periodo è stata pari al 54,5% del totale.

Media
  • L'Oms sostiene che i diesel sono cancerogeni
    L'Oms sostiene che i diesel sono...
comments powered by Disqus