Terremoto, caldo e afa assediano le tendopoli: De Longhi dona condizionatori

Nelle tende temperature africane: superati i 40 gradi. Domani sarà peggio. Nessuna scossa avvertita dalla gente nella notte. Segui la diretta / foto / video

MODENA - Inferno nella Bassa, e non solo per i danni del terremoto. Caldo e afa sono sempre più opprimenti e tra oggi e domani è atteso il picco. La temperatura è salita fino a 40 gradi, ma dentro le tende il caldo è ancora più insopportabile. Per cercare di portare un po' di sollievo agli sfollati costretti a boccheggiare nelle tende, l'azienda De Longhi ha donato 42 condizionatori - subito installati nelle tende che ospita 224 persone - alla protezione civile del Veneto che gestisce l'omonima tendopoli a San Felice.
Nello specifico si attendono sui 36°C presso l’Osservatorio di Piazza Roma, 37-38°C al Campus di Via Vignolese, 38-39°C a Carpi e Mirandola, forse un po’ meno, sui 36-37°C, nelle zone più vicine al Po, ma a prezzo di un’umidità un po’ più alta. Poi, sui 37°C a Reggio Emilia e punte vicine ai 40°C nei dintorni di Bologna e verso il Ferrarese e la Romagna interna. Meno bollente grazie alle brezze la costa e naturalmente più fresco l’Appennino, ma anche qui, fino a 800-1000 m, si raggiungeranno i 30°C. E, come curiosità, solo a 4.600 m si ritroverà la quota dello “zero termico”, ovvero una quota più che doppia dell’altezza del Monte Cimone.

Ore 23,02 - Scossa di magnitudo 3,2, epicentro a Finale Emilia



Ore 10 - I "cattivi" del rap cantano per ricostruire l'istituto Galilei
J-Ax, Marracash, Club Dogo ed Emis Killa hanno inciso "Se il mondo fosse". Brano venduto su iTunes per la scuola di Mirandola.

Ore  9 - Inzaghi e Baggio in campo per gli sfollati

Ore 8 - Solo una scossa nella notte
Lo sciame sismico continua a rallentare. La notte è trascorsa tranquilla, senza scosse di terremoto avvertite dalla popolazione. L'ultima registrata dagli strumenti alle 1,03 di magnitudo 2.3 con profondità 8.6 chilometri tra le province di Mantova, Reggio e Modena.

Leggi il riassunto di sabato 30 giugno
Dopo una notte senza scosse, a Mirandola una manifestazione ricorda alla politica l'impegno preso: "Consegnate i 91 milioni di euro promessi"

Media
comments powered by Disqus