Squinzi e Mapei lasciano il Sassuolo e il calcio - Audio

Il patron: appena trovo un acquirente, vendo. Tagli al budget: Sansone è sul mercato

Giorgio Squinzi, presidente di Confindustria e patron del Sassuolo

Giorgio Squinzi, presidente di Confindustria e patron del Sassuolo

SASSUOLO (Modena) - Terremoto a Sassuolo, e per fortuna si parla solo di calcio. Nel giorno del rilancio del Modena con l'arrivo della nuova proprietà, ai cugini neroverdi non basta la presentazione del nuovo allenatore Eusebio Di Francesco per vedere il sereno all'orizzonte. Il patron Giorgio Squinzi ha infatti annunciato che Mapei uscirà dal mondo del calcio. Quando? Appena ce ne saranno le condizioni. Troppa la delusione dopo lo scippo della mancata promozione in serie A. Gli investimenti sono stati subito ridotti drasticamente. Il monte ingaggi sarà alleggerito e il primo indiziato a lasciare Sassuolo è l'attaccante Sansone, come conferma il direttore sportivo Nereo Bonato (ascolta l'intervista di Vanni Zagnoli).

Squinzi: troppe boiate, tolgo il disturbo
"Il calcio è uno sport bellissimo, nel quale, purtroppo, si fanno troppe boiate. Per questo tolgo il disturbo". Giorgio Squinzi ha perso la pazienza e affida a una intervista a Linkiesta il suo addio al mondo del pallone. "Non c'è più spazio per Mapei nel mondo del calcio. In questi anni abbiamo subito troppi torti. La mia amarezza si traduce in pratica nella decisione di non fare più investimenti sul calcio, tanto ho capito che ci sono delle logiche superiori dalle quali non si può prescindere. Ridurremo drasticamente l'investimento in attesa di trovare una via di uscita".
Taglio pesante ai costi del 70%: "Non rinnoveremo i contratti in scadenza più onerosi e venderemo i pezzi pregiati della squadra. Questo è il primo passo verso l'abbandono: l'entusiasmo è passato. Se trovo un acquirente, vendo".

Il ds Bonato: Sansone sul mercato
L'attaccante Sansone è sul mercato

L'attaccante Sansone è sul mercato

Non saranno rinnovati i contratti dei difensori Piccioni, Consolini e Donazzan e degli attaccanti Bruno e Noselli. Obiettivo della società è anche vendere l'attaccante Sansone, come conferma il ds Nereo Bonato. "In questa prima fase di mercato abbiamo cercato di patrimonializzare quanto fatto nello scorso mercato estivo e invernale - ha detto al microfono di Vanni Zagnoli (nella sezione Media l'audio) - Ora la rosa del Sassuolo può dirsi abbastanza completa. Per rispettare il budget occorrerà fare una cessione eccellente. Tutti gli indizi portano a Sansone, ma è ovvio che dovranno esserci i parametri giusti per concludere l'operazione. Sansone è un giocatore del Sassuolo, ha fatto benissimo ed è ovvio che abbia delle aspirazioni. Il Sassuolo deve monetizzare e portare a casa il giusto valore di mercato".

Media
comments powered by Disqus