Caso Lusi, voto rinviato in Senato al 12 giugno

L'ex tesoriere della Margherita ha presentato una nuova memoria difensiva: "I finanziamenti sono certi e dimostrati"

Luigi Lusi in Senato

Luigi Lusi in Senato

ROMA – Il voto sul caso Lusi in Senato è stato rinviato al 12 giugno. Lo ha deciso la Giunta delle autorizzazioni del Senato, dopo che l’ex tesoriere della Margherita ha presentato ieri una nuova memoria difensiva. Il relatore Giuseppe Saro ha chiesto di poter acquisire agli atti della Giunta anche l'interrogatorio della segretaria di Lusi, Francesca Fiore.
Il presidente della Giunta, Marco Follini, ha dichiarato che il 12 giugno sarà per certo la data del voto: “Non accetterò manovre dilatorie – ha detto - La richiesta di rinvio da parte del relatore non mi ha trovato assolutamente d'accordo”. Secondo Saro, però, non è “accettabile che un verbale di interrogatorio così significativo come quello della segretario di Lusi in cui si conferma quasi totalmente quello che ha dichiarato il senatore, non sia stato già portato a nostra conoscenza".
Nella memoria difensiva, Lusi conferma quanto detto in precedenza sui finanziamenti al partito: "Appare infatti di tutta evidenza come la presenza di finanziamenti erogati dal movimento 'La Margherita' nel periodo 2009-2012 - si legge nella memoria - pubblicamente e reiteratamente negata, anche attraverso la minaccia di azioni giudiziarie, risulti essere fatto certo e dimostrato. Appare indubbio come la condotta avuta in merito a ciò da parte del senatore Rutelli sia stata di assoluta gravità e strumentale per la negazione di una verità". 

Media
  • Luigi Lusi in Senato
    Luigi Lusi in Senato
comments powered by Disqus