Terremoto, mille volontari da tutta Italia. La mappa dei campi

Il lavoro prezioso della Protezione Civile a Marzaglia (Modena): dalle imprese alimenti per gli sfollati

Una riunione operativa della Protezione Civile a Marzaglia

Una riunione operativa della Protezione Civile a Marzaglia

MODENA - Sono quasi mille i volontari impegnati nelle operazioni di soccorso e assistenza alle popolazioni dei comuni modenesi colpite dal terremoto. 
Gli ultimi arrivati, venerdì 25 maggio, sono i Cavalieri di Malta mentre e quelli delle Misericordie nazionali che stanno allestendo un campo da 250 posti a San Felice sul Panaro, mentre sabato 26 maggio arriveranno i volontari della Protezione civile della Liguria che allestiranno un campo di accoglienza da 250 persone sempre a San Felice sul Panaro per far fronte ad eventuali nuove richieste da parte della popolazione. I volontari arrivano da Trento, dal Friuli Venezia Giulia, Umbria, Marche, Toscana. In arrivo anche un gruppo di volontari della protezione civile della Valle d’Aosta.
Finora sono in funzione dieci campi, 20 strutture coperte (scuole palestre biblioteche) e otto hotel per un totale di oltre cinque mila persone ospitate Il coordinamento dei volontari è gestito dal Centro coordinamento soccorsi di Marzaglia.

Dalle imprese gli alimenti per i campi: da Marzaglia due container per Finale e San Felice
Dal Centro coordinamento soccorsi di Marzaglia partono quotidianamente le forniture alimentari messe a disposizione gratuitamente da diverse grandi imprese produttrici nazionali e locali. 
Un camion carica materiale a Marzaglia, dove c'è il quartier generale della Protezione Civile

Un camion carica materiale a Marzaglia, dove c'è il quartier generale della Protezione Civile

Nel pomeriggio di venerdì 25 maggio sono partiti due container diretti ai campi di Finale Emilia e San Felice sul Panaro contenenti vettovaglie, acqua  e pasta offerti appunto dalle ditte produttrici. 
Il  Centro coordina le offerte dalle imprese che arrivano con un flusso costante e che finora stanno garantendo rifornimenti sufficienti. La gestione e distribuzione delle forniture alimentari viene seguita invece direttamente dei Centri operativi dei campi di accoglienza. Per favorire la gestione dei generi alimentari, quindi, vengono privilegiate le disponibilità dimostrate dalle imprese, mentre non c’è bisogno, finora, di donazioni da parte di privati cittadini che comunque in questi giorni in diversi hanno contattato il Ccs di Marzaglia per offrire il proprio contributo in generi alimentari o capi di abbigliamento. 
Per chi intende dimostrare la propria solidarietà nei confronti delle popolazioni colpite dal sima, prosegue raccolta di fondi della Provincia di Modena tramite il conto corrente sul quale è possibile effettuare versamenti, indicando la causale “terremoto maggio 2012”. Il conto corrente, presso la filiale Unicredit di piazza Grande a Modena, intestato a: Provincia di Modena – interventi di solidarietà. Codice Iban IT 52 M 02008 12930 000003398693. 

Media
  • Una riunione operativa della Protezione Civile a Marzaglia
    Una riunione operativa della Protezione...
  • Un camion carica materiale a Marzaglia, dove c'è il quartier generale della Protezione Civile
    Un camion carica materiale a Marzaglia,...
comments powered by Disqus