Terremoto Modena, raffica di scosse: danni, paura e gente in strada

Tutti svegli a Modena come nel resto di Emilia Romagna, Veneto, Toscana e Lombardia. La prima scossa all'1,13 di magnitudo 4,1. La seconda molto più forte alle 4,03 di magnitudo 5,9. La terza alle 5. Poi lo sciame

MODENA - Due forti scosse di terremoto svegliano Modena e tutto il centro nord. La prima all'1,13 di magnitudo 4,1 con epicentro a Finale Emilia, tra le province di Modena, Mantova, Ferrara e Rovigo. L'ultima poco fa, intorno alle 4,03, avvertita anche a Padova e in tutto il resto del Veneto come in tutta l'Emilia Romagna, Lombardia e Toscana. Il movimento, di tipo sussultorio, è durato una ventina di secondi, facendo uscire le persone dalle case, terrorizzate. Sono esplose vetrine e sono caduti soprammobili nelle case, per valutare danni strutturali sarà necessario attendere la mattinata. La magnitudo è stata di 5,9 con epicentro, dicono gli esperti, a nordovest di Bologna.
Forte anche la prima scossa dell'1,13, che ha avuto ipocentro a 6,2 km di profondità ed epicentro in prossimità dei comuni modenesi di Finale Emilia e San Felice sul Panaro, e di quello mantovano di Sermide. La scossa è stata seguita all'1:43 da una replica di magnitudo 2.2. Un terza scossa importante è stata registrata alle 5: lo sciame sismico è ancora in corso.
Il sisma è stato avvertito da Savona a Trieste, fino a Pesaro a tutta la costa delle Marche.

Media
comments powered by Disqus