Siffredi, la moglie: che paura visto nudo la prima volta

L'intervista a Rosa, moglie del re del porno: "Poi, sai com'è, ci si abitua. Nell'intimità lo chiamo l'ultimo samurai"

ROMA - "La prima volta che ho visto Rocco nudo ho pensato: aiuto". Parola di Rosa Siffredi, moglie di Rocco il re del porno. In un'intervista Rosa racconta della prima volta che ha incontrato suo marito: "Lavoravo come modella a Bucarest e un giorno mi propongono di andare a Cannes per lavorare come hostess durante il festival del cinema porno. Arrivo in Francia dopo sedici ore di pullman e alla stazione mi ritrovo Rocco, spiritato, con una orribile tuta bordeaux, che mi dice: 'Tu dormi nella mia villa'". Poi Rosa racconta quando lei e Rocco Siffredi hanno girato il primo film hard insieme "Dovettero cambiare la sceneggiatura e il film si trasformò in una versione hard di "The Bodyguard". "Lui faceva Kevin Costner e io Withney Houston. La prima volta che ho visto Rocco nudo ho pensato aiuto... Poi, sai com'è, ci si abitua".
La donna racconta poi del motivo per cui Siffredi aveva lasciato il cinema porno: "L'aveva fatto per i figli. Non voleva che fossero obbligati a crescere con la curiosità morbosa della gente, fra le ironie dei compagni. Ma senza il set non stava bene, e per sfogarsi era costretto ad andare a letto con delle prostitute. Allora un giorno gli ho detto: "amore mio, visto che io ai tuoi ritmi non ci sto, meglio che ricominci a girare". E così è stato". Infine conclude: "Quando mi raccontano dei mariti che cominciano a perdere colpi, forse un pò d'invidia c'è. Sa come lo chiamo nell'intimità? l'ultimo samurai".

Media
comments powered by Disqus